L’unica notizia che conta

Le ultime settimane mi hanno impegnato con il libro sulla mia vita: “Piero Gheddo, inviato speciale ai confiini  estremi della fede”, Prefazione di Andrea Tornielli,  EMI 2016, pagg. 224 + 16 pagg. di foto – Euro 14. Mi permetto di usare  una delle migliori recensioni del volume. Non la pubblico per vanità, ma perché dalle molte lettere che ricevo, capisco che fa del bene, sparge semi di Vangelo nei lettori. Ne ringrazio il Signore Gesù. E ringrazio pure l’amico Pietro Piccinini per questo straordinario articolo. Piero Gheddo.

librogheddo

 

L’unica notizia che conta

ottobre 8, 2016 – Pietro Piccinini,vice-diretore del settimanale Tempi

Viaggi, avventure, drammi e intuizioni di padre Piero Gheddo, missionario-cronista del Pime, sessantatré anni da “inviato speciale ai confini della fede”.

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola

È bene precisare, come fa Gerolamo Fazzini nell’introduzione, che questo libro non è stato scritto per «esaltare o, peggio, mitizzare» padre Piero Gheddo. Ma quello che è giusto è giusto, perciò: grande padre Gheddo. Inviato speciale ai confini della fede sarebbe di per sé l’autobiografia del più importante giornalista italiano vivente, visto che questo missionario del Pime si è girato ottanta paesi extraeuropei, ha scritto letteralmente migliaia di articoli per alcune tra le più importanti testate cattoliche e laiche del nostro paese, ha firmato a occhio e croce un centinaio di libri, molti dei quali tradotti in più lingue, è stato testimone diretto, “in prima linea” come si dice, di molte delle enormi tragedie che hanno sconvolto l’ultimo mezzo secolo, dalla guerra in Vietnam all’apartheid in Sudafrica, dal genocidio in Cambogia a quello in Ruanda, dalla rivoluzione comunista di Cuba alle dittature militari in Sudamerica, solo per citarne alcune.

E perché, invece, un cronista del genere non è venerato come un guru del quarto potere? Perché fondamentalmente padre Gheddo ha trascorso sessanta e passa anni di missione a inseguire una sola notizia. L’unica che valesse la pena di essere inseguita. Quella che sfugge regolarmente a tutti i colleghi. La notizia: Gesù Cristo. Il Suo impatto sulle persone, sui popoli, sulla storia. È andato a cercarlo sotto le bombe e tra gli affamati. È andato a pescarlo in mezzo alla foresta amazzonica, fin dentro alla capanna sperduta di un missionario quasi eremita.

È un pioniere, padre Gheddo. Da tempo ha intuito verità e osservato fenomeni di cui nemmeno oggi “la civiltà” sembra ancora rendersi conto, ha scritto cose che a noi serviranno molti anni per arrivare solo ad ammettere. Già negli anni Cinquanta, per esempio, avvertiva che l’Africa si stava ribellando a “mamma” Europa, e che si sarebbe salvata, letteralmente, solo convertendosi. Perché se c’è una cosa di cui Gheddo può dire di avere le prove, è che il progresso dell’uomo inizia grazie all’incontro con Cristo, non all’elemosina dei ricchi. Il cronista del Pime lo ha visto succedere mille volte sotto i suoi occhi, nel libro ci sono decine di episodi. Le persone «sentono la diversità fra vivere con Cristo e vivere senza Cristo. Questo li rende entusiasti e pronti a fare grandi sacrifici per servire la Chiesa», gli ha detto una volta un missionario nel Borneo.

Commovente la storia del «villaggio paria» di Beddipally, India, anno 1964. Per padre Gheddo era «il mio primo e forse unico “Battesimo di massa”: 190 catecumeni da battezzare fra grandi e piccini (62 li ho battezzati io)». Recatosi là con altri due missionari e quattro suore, trovò il «povero villaggio di capanne di paglia e di fango» tutto quanto «in festa, i paria raggianti di gioia: danze, canti, pifferi, flauti, tamburelli, festoni di carta colorata alle porte e alle finestre». Peccato che «i non cristiani dei villaggi vicini, gente di casta e proprietari terrieri», non vedessero di buon occhio il “balzo in avanti” dei diseredati, e il giorno dopo, all’alba, «armati di bastoni hanno picchiato tutti, uomini, donne, vecchi, bambini; poi hanno distrutto numerose capanne e sporcato i muri della cappella-sala comunitaria». I missionari si offrirono di denunciare l’accaduto alla giustizia, ma si sentirono rispondere così: «Padre, noi non vogliamo vendetta. Tu ci hai detto che il Battesimo è il più grande dono di Dio e che la Croce è il segno di chi segue Cristo. Ecco, noi vogliamo soffrire qualcosa in silenzio per ringraziare Dio del Battesimo. Non andare dal giudice, aiutaci e ricostruiremo tutto noi, ma senza chiedere punizione per i nostri persecutori. Non ci hai detto tu che dobbiamo perdonare le offese ricevute, come ha fatto Gesù?».

Scandalo, censura, false accuse

In un mondo che si crede progredito e invece è sempre più inselvatichito, la notizia di Cristo servirebbe più del pane. Quante volte lo ha ripetuto padre Gheddo, anche su Tempi, pieno di dolore quando invece tanti missionari preferiscono dedicarsi all’acqua pubblica. «A dispetto di molti drammi nel mondo, divento sempre più ottimista per il futuro», dice. «Vedo gli sterminati popoli che devono ancora ricevere l’annunzio della “buona novella” e soffro per l’indifferenza di troppi cristiani di fronte al problema primario: portare l’annunzio di salvezza a tutti gli uomini. Ma vedo anche con chiarezza che Gesù Cristo col suo Vangelo è sempre più l’unica via di salvezza per tutti».

Ha dato fastidio padre Gheddo? Certo che lo ha dato. Innanzitutto agli stessi cattolici. Come quando, nel 1972, pubblicò su Mondo e Missione il celebre servizio “A scuola dalle giovani Chiese”. «Le molte lettere ricevute – ricorda il sacerdote – esprimevano in maggioranza sconcerto e anche scandalo per quel titolo e i contenuti dello studio: pareva impossibile che noi, dopo duemila anni di cristianesimo, dovessimo andare a scuola da giovani cristiani senza alcuna esperienza di fede, di vita cristiana, di teologia, di esegesi biblica. Credo che oggi siamo un po’ tutti convinti che le giovani Chiese possono insegnarci molto. Non perché i battezzati delle missioni siano migliori cristiani di noi. Forse sono più peccatori di noi; ma è altrettanto certo che a noi manca l’entusiasmo della fede e lo spirito missionario che loro hanno. Cosa potrebbero insegnarci? Anzitutto questo: bisogna ripartire dall’annunzio di Cristo, in modo semplice, elementare, esperienziale, molto concreto».

Padre Gheddo scandalizza perché racconta quel che vede. Senza arzigogoli, scrive pane al pane. Ha il coraggio di riconoscere i frutti insperati prodotti dalla teologia della liberazione in America latina perché ne è stato testimone sul campo, pur non smettendo mai di ricordare i danni prodotti da chi ha ridotto la fede cattolica alla continuazione della lotta di classe con altri mezzi. Ha contribuito a “sdoganare” nella Chiesa Hélder Câmara, il “vescovo delle favelas” di Olinda e Recife, Brasile. Durante il Concilio Vaticano II padre Gheddo, «impressionato» dalla potenza di quella personalità, ottenne con lui un’intervista per l’Osservatore Romano, che però finì censurata, essendo all’epoca il prelato brasiliano in odore di marxismo. Oggi Gheddo, che nel frattempo quella intervista l’ha pubblicata in un libro, parla con nonchalance della censura subìta e spiega: sono sempre stato convinto che Camara fosse «strumentalizzato dalle sinistre marxiste» interessate a metterlo contro la Chiesa, quando invece era un vero «uomo di Dio». Attualmente è in corso per lui una causa di beatificazione.

Ma Gheddo ha dato fastidio soprattutto a tanti colleghi giornalisti e intellettuali, ostinato com’è nel raccontare quel che vede invece di quel che “deve”. Svelò la menzogna genocida dei khmer rossi in Cambogia, voce quasi unica in un’Italia di piombo dove «non solo non si poteva credere ai crimini comunisti, ma non li si poteva nemmeno raccontare». Tra l’altro si beccò per questo gli attacchi di Tiziano Terzani e l’accusa di essere pagato dalla Cia da parte dell’Unità. Considerato fino ad allora un progressista, divenne «reazionario» e «fascista». Forse perché il suo interesse esclusivo per la verità gli ha levato anche ogni indugio ad ammettere gli errori. Nel libro riconosce di essersi lasciato mezzo abbagliare dalla rivoluzione culturale in Cina, per poi scoprire il vero volto del regime maoista. Anche a Cuba nel 1970 fu costretto dai fatti a rivedere un giudizio quasi positivo sulla revolución castrista. Ovviamente per questo subì «insulti e minacce», ricorda, «ma a me basta sapere che dico la verità di quel che ho visto».

«Noi preghiamo, gli altri zitti»

Negli stessi anni, comprese prima degli altri che razza di regime stavano instaurando i vietcong. Mentre nelle piazze italiane riecheggiavano i salaci inni sessantottini a Ho Chi Minh, padre Gheddo riusciva a inoltrarsi «vestito da prete» in zone del Vietnam che i cronisti occidentali, dagli alberghi di Saigon, nemmeno si sognavano di raggiungere. Nelle missioni cattoliche il sacerdote del Pime sentiva fischiare proiettili e schegge di bombe sulla testa, e scopriva che «nessuno voleva essere “liberato” dai vietcong».

La prima autobiografia di padre Gheddo è un grande libro di avventure. «La mia missione è stata e ancora è un giornalismo appassionato e militante», scrive lui. 87 anni di età, 63 di sacerdozio desiderato fin da bambino, una vocazione alla missione «infiammata» dai racconti di padre Clemente Vismara pubblicati su Italia Missionaria, e anche un po’ da Sandokan, padre Gheddo è uno che nel 1959 sale su un aereo «carico di turisti italiani» diretto a Milano da Londra, e nel mezzo di una tempesta, mentre a bordo è in corso una scena di panico apocalittico, quasi strappa di mano alla hostess il microfono e grida: «Sono un sacerdote missionario, ho anch’io paura come voi e forse più di voi. Il comandante ci assicura che l’aereo è sicuro, ma forse ci dà maggior sicurezza sapere che siamo tutti nelle mani di Dio. Chi vuole pregare, preghi con me, gli altri facciano silenzio: “Padre nostro che sei nei cieli…”».

Da don Luigi Giussani dice di avere imparato il concetto che «se la fede in Cristo non crea, oltre che un “uomo nuovo” in noi, una “cultura nuova” e un “mondo nuovo”, non conta nulla». Il fondatore di Cl, ricorda Gheddo, «metteva con forza, noi ragazzi e giovani preti, di fronte alla bellezza e alla forza della fede, ma anche alla responsabilità di aver ricevuto da Dio questo dono di cui tutti hanno bisogno. (…) Non avevo mai sentito una testimonianza così appassionata di quello che significa il mio essere cristiano e prete».

L’incontro con Madre Teresa

A Madre Teresa dedica un intero capitolo. Se l’opera della piccola suora albanese in favore degli ultimi fra gli ultimi è diventata così famosa, in parte è merito di padre Gheddo, che era entrato al Pime sognando di essere destinato proprio all’India. È stato uno dei primi giornalisti in assoluto a incontrare a Calcutta le Missionarie della Carità. Scrive: «Talvolta per dialogare con le religioni si tende a mettere in ombra la persona di Cristo, uomo-Dio morto in Croce per salvare l’umanità, perché Cristo “fa difficoltà”. Si preferisce parlare di “valori” del Vangelo (pace, perdono, dignità di ogni uomo, giustizia, solidarietà). Si predica il messaggio tacendo del messaggero, si parla del Regno ignorando il Re. Tutto questo rischia di ridurre l’evangelizzazione a un’attività sociale e caritativa. Madre Teresa va controcorrente. La sua vita e quella delle suore testimoniano la fede in Cristo contemplato nell’Eucaristia, amato come un fratello in ciascuno dei poveri. A chi le chiedeva il senso del suo impegno per i poveri diceva: “Noi non siamo assistenti sociali, noi ci muoviamo per Cristo che sulla Croce dice: ‘Ho sete!’. La missione quindi, prima di essere opere di bene da fare, è partecipare alla “sete” di Gesù e rendere presente il suo amore per ogni uomo”. Questo ritorno all’essenziale della missione attira molto i giovani. Madre Teresa dimostra che c’è una straordinaria convergenza e consonanza fra Cristo e il senso dell’umano, al di là di ogni razza, lingua, età, religione e cultura. Ogni uomo, conoscendo Madre Teresa, capisce e sente che in lei c’è tutto quello a cui lui aspira, capisce che lì c’è Dio. E ogni uomo, anche quelli che si dichiarano atei (e non lo sono), aspira a conoscere Dio».

Ora che ha una certa età, il più grande giornalista italiano è costretto a rinuciare ai suoi viaggi. Scrive ancora, ma la sua missione adesso non è più girare il mondo, è darci dentro con la preghiera. Ha scritto a Tempi qualche giorno fa: «Capisco che il buon Dio mi vuole ancora un po’ attivo, dato che posso pregare, soffrire (“La sofferenza è la forma più alta della preghiera”, diceva il venerabile Marcello Candia), scrivere e parlare». Invia regolarmente a questo giornale suoi contributi e testimonianze raccolte dai colleghi del Pime sparsi nel mondo. Ogni volta si impara una cosa nuova. Ogni volta è una notizia. Anzi, la notizia. Grande padre Gheddo.

Come ho conosciuto Marcello Candia

Nel 2016 sono cent’anni dalla nascita del missionario laico che Papa Francesco ha proclamato Venerabile. La Fondazione dott. Marcello Candia ha festeggiato la ricorrenza con un concerto alla Scala: il maestro Chailly ha diretto il Requiem di Verdi. Ecco il mio ricordo di  come ho conosciuto e amato l’industriale italiano che ha speso tutta la vita e i suoi beni per gli “ultimi” dell’Amazzonia brasiliana.

candia

Marcello Candia (1916-1983)

Ringrazio Dio della grande grazia che mi ha fatto di conoscere bene il Venerabile dottor Marcello Candia, ed aver poi scritto la sua biografia dopo la morte (31 agosto 1983), per incarico della famiglia e della Fondazione Candia, che ne continua il ricordo e l’opera di carità.

Marcello era un uomo di vita evangelica fin da giovane. Un suo consulente, il professor Siro Lombardini, in un’intervista per la causa di canonizzazione di Marcello mi diceva: «Aveva un fiuto straordinario per i soldi, tutto quello che toccava diventava oro!». Poteva rimanere a Milano, gestendo l’industria chimica ereditata dal padre. Invece, ha venduto tutte le sue proprietà ed è partito come missionario laico per l’Amazzonia, dove ha vissuto solo 18 anni, dando tutto quel che aveva e tutto se stesso per i più poveri ed umili.
Partì per Macapà nel 1965, a 49 anni, quando il Pime, allora, non mandava in Amazzonia missionari sopra i 35 anni per le difficoltà di ambientarsi in un clima equatoriale costantemente caldo umido e l’estrema miseria dei caboclos e indios.

Sono andato a visitarlo nell’estate 1966. Viveva in una stanzetta nella residenza (in costruzione) del vescovo, monsignor Beppe Maritano, con scatole, borse e baule personali portati dall’Italia ancora nel corridoio, da aprire e sistemare. A Milano ero stato a cena da lui tre volte: viveva in un grande e ricco appartamento, con diverse persone di servizio. In Amazzonia non aveva acqua corrente in stanza, i servizi e la doccia erano in fondo al cortile, e sul muro c’era un rubinetto al quale doveva riempire una brocca d’acqua per lavarsi e farsi la barba. Il pane non c’era tutti i giorni, la carne si vedeva poche volte, perché non c’erano frigoriferi, il formaggio (di cui era goloso) a Macapà non esisteva, il cibo base era: riso (quando c’era) e la mandioca bollita (che ha il gusto della segatura).

Mi faceva pena. Gli chiesi se si stava adattando alla vita di missione. Mi disse: «Quando mi viene la nostalgia della mia casa a Milano, penso a tutte le miserie che vedo ogni giorno fra i lebbrosi e i poveri di Macapà e mi ripeto: chi ha molto ricevuto deve dare molto. Io ho ricevuto moltissimo, incomincio a rendere qualcosa a questi poveri che mi circondano e dovrò dare tutto».
Marcello, innamorato di Gesù Cristo, vedeva nei poveri e nei lebbrosi l’immagine di Cristo: si inginocchiava di fianco a loro, li baciava, amava stare con le persone più umili.

candia2

1. L’ospedale e il ciclone

Un giorno del 1966 lo accompagno a visitare alcuni ammalati di lebbra di Macapà che sono ancora nelle loro capanne (in seguito li porterà nel lebbrosario di Marituba). C’è una vecchietta già sfigurata dalla lebbra, accudita dalla figlia in una capanna dove il fetore di carne marcia e di pus toglie il respiro. Dopo pochi minuti devo uscire all’aperto. Marcello si inginocchia accanto al letto dell’anziana signora, le parla e prega con lei.
Quando esce, gli dico che l’ammiro per quel gesto così spontaneo ed eroico. Risponde: «Vedi, se con l’aiuto di Dio non mi sforzassi di vedere Gesù in tutti i poveri che incontro, ritornerei subito in Italia. Pregando chiedo sempre questa grazia. Non è facile vivere qui, ma questa è la via che il Signore mi ha indicato e la percorro con la gioia che mi viene da Dio».

Candia era il santo della carità cristiana, ma a me è apparso subito, fin da quella prima visita, come il santo della Croce. Stava costruendo il più grande ospedale dell’Amazzonia (a quei tempi), una costruzione monumentale e maestosa. In una cittadina di 25.000 abitanti com’era Macapà nel 1965 (oggi sono 600.000!), in buona parte ancora formata da capanne di fango e paglia o casupole di legno (anche la casa dei missionari del Pime era di legno), con 20-25 case in muratura a uno o due piani. L’ospedale di Candia a due piani (in cemento armato) misurava 120 metri di lunghezza sulla pubblica via e 97 metri di profondità.

Quando arriva a Macapà nel giugno 1965, il giorno dopo è già al lavoro per l’ospedale, la cui costruzione l’aveva iniziata monsignor Pirovano tre anni prima. Non poteva studiare e conoscere il portoghese, ma era di esempio a tutti per le virtù che esercitava in modo esemplare: umiltà, spirito di sacrificio, pazienza, fedeltà alle preghiere e soprattutto la convinzione e l’entusiasmo che metteva in ogni sua azione. Lavorava veramente per Dio e non per se stesso. Quando l’ho visitato nel 1966, si era già affermato come un sant’uomo e, a parte le critiche per l’ospedale, lo ammiravano, ne erano edificati. Marcello, fin dall’inizio, aiutava nella costruzione di chiese, sosteneva il giornale e la radio cattolica e altri progetti dei missionari. Aveva molto di suo, ma si accorse subito che, in Amazzonia, le spese erano molto superiori del previsto.

Nel dicembre 1966, Marcello ritornò a Milano e iniziò la sua “campagna invernale” per l’animazione missionaria. Noi che gli eravamo vicini, parlavamo del “Ciclone Candia” in arrivo, ci preparavamo ad accettarlo, come si accetta un fenomeno naturale – un ciclone, appunto -, contro cui non c’è rimedio. Il cataclisma, però, era di natura benefica. Ma quando Marcello era in arrivo bisognava tenersi liberi per accompagnarlo in una continua girandola di incontri – che il Centro missionario Pime gli procurava (cioè il direttore, padre Giacomo Girardi) – in parrocchie e scuole, seminari e centri culturali, interviste con giornalisti, in radio e Tv, volantini e opuscoli da preparare, articoli da scrivere. Marcello finanziava questo lavoro con generose offerte per la stampa e il Centro Pime.

candia3

2. «Piero, ricordati, la fede non basta mai!»

E poi, diciamo la verità, piaceva e faceva bene, a noi giovani missionari del Pime, portare in giro un “santo”, presentarlo, sentirlo parlare, vedere la commozione che suscitava nella gente. Una volta l’ho portato a Rai Uno. Il giornalista che lo intervistava, presentandolo, dice:

«Lei è innamorato dei poveri e dei lebbrosi, ci racconti di quando è andato nel lebbrosario di Marituba».
«Scusi», risponde Marcello, «io non sono innamorato dei lebbrosi. Sono innamorato di Gesù Cristo, che mi aiuta a vedere in ogni lebbroso e in ogni povero Gesù in Croce. Questo spiega tutta la mia vita».

Il suo spirito di sacrificio era esemplare. Dopo il 1973, quando è venuto ad abitare nella nostra comunità di missionari (nel secondo Centro missionario di via Mosè Bianchi a Milano), ci imbarazzava mica male con i suoi ritmi di lavoro e di preghiera. Lavorava dalle 12 alle14 ore al giorno, tutti i giorni. Dormiva pochissimo, eppure era sempre sorridente con tutti. Non l’abbiamo mai visto prendersi una giornata di riposo, alla sera non vedeva il telegiornale, andava subito in stanza per fare una telefonata urgente (aveva una sua linea telefonica e le sue telefonate erano tutte “urgenti”!). Le sue giornate erano travolgenti.
Un pomeriggio d’inverno, con neve e gelo, dovevo portarlo a Piacenza per un incontro, e saremmo tornati dopo mezzanotte. Entra in auto premendosi le due mani contro il petto per il mal di cuore. Gli dico: «Marcello, non puoi venire col mal di cuore. Stai a casa, vado io e parlo per te, ci vediamo domani». Niente da fare, vuol venire lui. In genere recitavamo il Rosario, ma quella sera non si sente bene e dice: «Ripeto la giaculatoria che mi ha insegnato mia mamma: “Signore, aumenta la mia fede”». Io gli rispondo: «Marcello, tu di fede ne hai tanta, hai venduto tutto e spendi tutto per i poveri. A Milano non hai più una tua casa…». E lui, sempre tenendosi le mani premute sul petto replica: «Piero, ricordati, la fede non basta mai!».
Aveva tanta fede. Una volta gli chiedo: «Non pensi che tu moltiplichi le tue opere e come farai poi a mantenerle?». Lui risponde: «Non mi pongo questo problema. Io lavoro per il Signore, quindi ci pensa lui».

Marcello si definiva «un semplice battezzato»: non apparteneva ad alcuna associazione o movimento ecclesiale. Aveva preso sul serio il suo Battesimo. Era un uomo libero, con una spiritualità profonda ma elementare (pur essendo tre volte laureato), che s’è santificato con le preghiere del “Manuale del buon cristiano”: recitava tutti i giorni a memoria “Le Preghiere per la buona morte” e altre. Gli bastava poco per mettersi in contatto con Dio, con Gesù e lo Spirito Santo, con la Madonna di cui era devotissimo. Quando si immergeva nella preghiera non voleva essere disturbato, erano i suoi tempi, dai quali traeva la forza di andare avanti in una vita frenetica per moltiplicare le opere di bene.

Il primo viaggio a Macapà è del 1950 (poi a Milano lo chiamano “il dottor Macapà”) e per 15 anni si prepara per andare con Pirovano e realizzare l’ospedale, programmato e poi iniziato dal vescovo Pirovano. Ma, quando lui arriva in Amazzonia nel giugno 1965, Pirovano è da tre mesi superiore generale del Pime e il vescovo Maritano (un sant’uomo anche lui, che gli voleva bene davvero), arriva a Macapà sei mesi dopo Marcello. Lui rimane solo ad affrontare un mondo che gli rimane estraneo, lo ostacola, come le autorità militari, in quel tempo di dittatura militare (iniziata nel 1964), che sospettavano avesse un secondo fine: lo sorvegliavano, lo umiliavano, non gli davano i permessi necessari, eccetera.

candia4

Eppure, la santità di Marcello si impone in pochi anni in Italia e in Brasile. Negli anni riceve molti premi e riconoscimenti dal nostro Paese. Nel 1980 Giorgio Torelli pubblica Da ricco che era, di cui sono state vendute 120.000 copie in pochi anni (circa 50.000 diffuse dal Centro missionario Pime di Milano), Marcello Candia diventa «il missionario italiano più conosciuto e più amato». Non solo, Torelli crea il mito di “Marcello il leggendario”. Il suo libro penetra nelle case come un amico, parla al cuore della gente, entusiasma, interroga, mette in crisi, suscita rimorsi o rimpianti, dà a tutti il senso della bontà e della grandezza di Dio. Il personaggio “leggendario” è creato, Marcello ha lasciato una traccia profonda di cristianesimo vissuto ed ha ricevuto con gioia una quantità di offerte, donazioni, lasciti, eredità.

Da quel lancio iniziale, la Fondazione Candia ha dichiarato più volte che, anche dopo la sua morte, il vero miracolo di Marcello è che gli aiuti ricevuti dai suoi amici e devoti hanno continuato ad aumentare. Tanto che, dalle 14 opere nel Brasile dei poveri che Candia aveva lasciato, la Fondazione ne ha iniziate altre ed è giunta a finanziarne una trentina.

In Brasile Candia diventa ben presto una personalità conosciuta e stimata a livello nazionale, pur vivendo in un angolo sperduto dell’Amazzonia. Nel 1971 il Presidente del Brasile, generale Garrastazu Medici, conferisce a Marcello il “Cruzeiro do Sul” (Croce del sud), la massima onorificenza nazionale data ai benemeriti della nazione e per la prima volta ad uno straniero. Nel 1975, il più importante settimanale illustrato brasiliano, Manchete, gli dedica un lungo servizio intitolato “L’uomo più buono del Brasile”, con questa motivazione: «Il nostro Paese è terra di conquista per finanzieri e industriali italiani. Molti vengono da noi ad impegnare i loro capitali allo scopo di guadagnarne altri. Marcello Candia, ricco industriale milanese, vive in Amazzonia da dieci anni, vi ha speso tutte le sue sostanze, con uno scopo ben diverso: per aiutare gli indios, i caboclos, i lebbrosi, i poveri. L’abbiamo eletto l’uomo più buono del Brasile per l’anno 1975».

Sono ritornato per la quinta volta in Amazzonia nel gennaio-marzo 1996. Rivedo il lebbrosario di Marituba, l’ospedale e le altre opere costruite e finanziate da Candia a Macapá e Belem, parlo con tante persone. Gli incontri più belli sono quelli di Marituba, dove i lebbrosi che hanno conosciuto Candia, tredici anni dopo la sua scomparsa (là dove la vita dura molto meno che in Italia), non sono più molti. Ma il ricordo di lui si tramanda dall’uno all’altro, Marcello è diventato una figura mitica anche per i ragazzi delle scuole. Il lebbroso Adalucio, di grande saggezza umana e cristiana, più volte eletto capo dei lebbrosi di Marituba, mi dice: «Marcello non solo ci ha aiutati economicamente e con le opere sanitarie e sociali, ma ci ha voluto bene: in lui vedevamo l’amore di Dio anche per noi lebbrosi, rifiutati da tutti».

Chiedo ad Adalucio perché lui e gli altri lebbrosi considerano Candia un santo e lo pregano per ottenere grazie. Risponde: «Perché faceva tutto per amore di Dio. Non aveva nulla per sé, non cercava nulla per sé, ma tutto per gli altri, i poveri, gli ammalati, i lebbrosi. Era eroico nella sua donazione al prossimo. Lui ricco, colto e importante nel mondo, veniva a spendere la vita fra noi che non potevamo dargli nulla in cambio. E non per un motivo umano, altrimenti non avrebbe resistito, sarebbe rimasto deluso: ma solo per amore di Dio. Noi pensavamo: se lui è un uomo così buono, quanto più dev’essere buono Dio!».

3. La causa di canonizzazione

L’eredità più bella e intramontabile che Marcello ha lasciato non sono le opere, pur ottime e provvidenziali, ma il ricordo della sua santità e gli esempi della sua vita eroica per servire i più poveri. La Chiesa lo studia per proporlo, a un miliardo e più di cattolici e poi al mondo intero, come modello di cristiano che ha vissuto il Vangelo in modo integrale, per servire i poveri, gli ultimi. E chiede da Dio un “segno” straordinario che confermi la santità di Marcello, cioè il cosiddetto “miracolo”, in genere una guarigione da grave malattia, inspiegabile alla scienza medica. Occorre quindi che i devoti di Marcello Candia non si accontentino di ammirarlo e di aiutare le sue opere, ma si propongano di imitarlo nelle sue virtù e lo preghino per ottenere grazie per sua intercessione.

Il 12 gennaio 1991 (otto anni dopo la sua morte), il cardinale Carlo Maria Martini istituisce il tribunale diocesano per l’inizio della sua Causa di canonizzazione (ne ero il Postulatore) e afferma: «È un modello di laico impegnato, coraggioso, capace di prendere sul serio la parola di Gesù, che ha messo la sua professionalità a servizio degli ultimi. È dunque per noi un testimone straordinario, un cristiano esemplare, un modello nel nome del quale vorremmo avviarci verso il terzo millennio per incominciarlo con speranza». L’8 febbraio 1994, chiudendo il processo diocesano, dirà: «La Chiesa ambrosiana esprime ufficialmente il desiderio di poter un giorno annoverare tra i suoi santi e beati questo suo figlio».

Il lungo cammino della causa di canonizzazione termina l’8 luglio 2014, quando la Congregazione dei Santi promulga il decreto sul riconoscimento delle virtù eroiche del Servo di Dio dottor Marcello Candia, che diventa Venerabile. Manca solo un “miracolo”, riconosciuto come tale, per la beatificazione. Questo è il tempo delle preghiere per chiedere grazie per sua intercessione. Marcello è sepolto nella sua chiesa parrocchiale dei Santi Angeli custodi in via Colletta a Milano, in un semplice ma solenne mausoleo, per iniziativa della Fondazione dott. Marcello Candia, che ha sede nei locali della parrocchia.

Quando Marcello Candia, a Dio piacendo, verrà elevato alla gloria degli altari, sarà un santo tipico del nostro tempo: industriale di successo, ha dimostrato che anche un ricco può diventare un santo, usando i  capitale e le tecniche manageriali non per servire i propri interessi, ma per il prossimo più povero e abbandonato. La biografia di Marcello Candia: P. Gheddo, “Marcello dei Lebbrosi ”, Prefazione di Giorgio Torelli, De Agostini Novara, 5° edizione 1994, pagg. 328 + 32 pagg. di fotografie, Euro 20. Il Card. Carlo Maria Martini ha scritto: “Suggerisco la lettura di Marcello dei Lebbrosi. Emergerà non solo la commovente storia della sua santità, ma anche la geniale intraprendenza con cui la carità ha animato la vita sociale milanese”. Il volume, purtroppo, è praticamente esaurito.